WeRadio Greece, il progetto radiofonico che non conosce confini

Tempo di lettura: 2 minuti

UN PONTE TRA RAGUSA E LA GRECIA:

WERADIO GREECE, IL PROGETTO RADIOFONICO CHE NON CONOSCE CONFINI

È rientrata da circa una settimana la delegazione inviata da Generazione Zero e Attiva-Mente che ha partecipato dall’11 al 18 febbraio ad un progetto “Erasmus +” nella città di Serres.

Ragusa, 28 febbraio 2020 – Innovare le forme di aggregazione, sempre più piegate al fenomeno dei social media, raggiungere i giovani rendendoli protagonisti della società in cui vivono e trasmettere il valore della comunicazione, attraverso il linguaggio della radio. Questi sono alcuni degli obiettivi di WeRadio Greece, progetto Erasmus + proposto dall’associazione greca Youthfully Yours GR, svoltosi dall’11 al 18 febbraio a Serres e che ha coinvolto 29 lavoratori e volontari da Grecia, Italia, Portogallo Slovacchia, Lituania e Romania.

Generazione Zero e l’associazione modicana Attiva-Mente, in qualità di partners del progetto, hanno inviato una delegazione composta da quattro ragazzi, affiancati dai due peer trainers (facilitatori di attività), Vincenzo Giannone e Ivan Linguanti. Giovanni Massari, Salvatore Schininà, Riccardo Lucentini (Generazione Zero) e Mario Cicciarella (Attiva-Mente) sono i ragazzi che hanno preso parte all’esperienza greca. Un gruppo di ragusani, a parte Riccardo, nato e cresciuto a Roma, capace di costruire un ponte tra la cultura iblea e quella greca.

Le attività del corso di formazione che ha coinvolto i partecipanti erano focalizzate sulle competenze tecniche e i metodi necessari per creare eventi orizzontali e democratici, sulla creatività dei giovani nel campo della web radio, considerato uno strumento efficiente per la divulgazione culturale, la denuncia sociale e l’impegno politico.

Generazione Zero e Attiva-Mente, co-promotrice del progetto in Grecia, hanno stretto una proficua collaborazione nel febbraio 2019, con lo scopo di valorizzare le affinità culturali, politiche e gli interessi nel campo formazione internazionale. L’associazione Generazione Zero ha partecipato a WeRadio Greece per supportare gli scopi e gli obiettivi dei partner di progetto che intendono lottare contro le discriminazioni e creare delle reti europee di solidarietà.

Salvatore Schininà, membro di Generazione Zero: “Un’esperienza fondamentale per la crescita personale e dell’associazione. Le attività svolte in Peer Education, una metodologia didattica che ha permesso un processo di lavoro tra pari, in cui esperienze e conoscenze di ognuno si sono integrate, sotto la guida dei trainer Vincenzo Giannone e Ivan Linguanti, hanno permesso di vivere qualcosa di unico, alla scoperta delle potenzialità comunicative delle WebRadio. Collaborare con ragazzi di altre nazioni europee, inizialmente semplici sconosciuti, ma adesso veri amici, è stato senza dubbio l’elemento più entusiasmante perché ha permesso di vivere pienamente quel progetto di un futuro insieme, di una società aperta e condivisa e di scambio culturale, che è l’Unione Europea. Il sapore di internazionalità, la cordialità e la simpatia di ognuno dei partecipanti rimarranno per sempre un ricordo caro a ciascuno di noi. Un ringraziamento speciale a Generazione Zero e ai ragazzi che si sono adoperati per permetterci di partecipare, e a Youthfully Yours GR e al suo presidente Apostolis Vagenas per la perfetta organizzazione dell’intero progetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *